La lettera ALEF

La ALEF e' la prima lettera dell'alfabeto ebraico, e quindi il suo valore numerico (Ghematria) è 1. La lettera ALEF rappresenta Dio, che è Uno, Unico ed Eterno.

La forma grafica della lettera alef simbolizza la natura infinita ed eterna di Dio.

Essa consiste di tre parti: il segmento superiore destro è una YOD, quello inferiore sinistro è, ancora, una YOD, e queste due lettere sono connesse da una VAV diagonale. Ogni YOD vale 10, e la VAV vale 6. La somma è 26, che è esattamente il valore della somma delle lettere del Nome Divino formato da quattro lettere (Tetragramma YOD=10, HE=5 VAV=6, HE=5)

 

Questo Tetragramma è il nome che rappresenta Dio come Eterno, perché con queste quattro lettere si possono formare le parole HAYA' (era), HOVE' (presente), e IHIE' (sarà).

 

 

La ALEF è formata da dueyod, una in alto a destra e l'altra in basso a sinistra, che sono a loro volta uniti con una diagonalevav. Quest'opera rappresenta le acque superiori e inferiori e il firmamento tra di loro, come insegnato dall'Ari z"l, Rabbi Isaac Luria, di benedetta memoria, che ha rivelato grandi intuizioni nell'antica saggezza della Kabbalah.  



ALEF sta anche per ADAM (Uomo), la più nobile tra le creazioni di Dio. Le tre lettere che formano la parola ADAM alludono all'unicità dell'essere umano: ALEF per ADAM (uomo), DALET per DIBUR (la capacità di parlare), MEM per MAASE' (la capacità di fare ).

Tutte le grandi cose si fanno con un primo piccolo passo. Mattone su mattone si costruisce una casa, soldo per soldo si mette su una fortuna. La ALEF (uno), cresce e diventa ELEF (mille), semplicemente cambiando una vocale.
ALEPH throw pillow designed by Gabriele Levy
Ma come può un medio essere umano raggiungere la saggezza della Torah, che e' profonda come il mare? Come fa un principiante a partire dal riconoscere una alef per diventare un ALUF (maestro) di Torà? La risposta è data nella Torà stessa: "Perché questi precetti che io ti comando oggi non sono una cosa straordinaria oltre le tue forze né sono cosa lontana da te; non è nel cielo.. e neppure al di là del mare..questa cosa è molto vicina a te: è nella tua bocca, è nel tuo cuore perché tu possa eseguirla." (Deuteronomio 30:11) Per spiegare questo un Midrash descrive un ignorante che entra in Sinagoga. Vedendo la gente che studiava la Torah, egli chiese: "Come posso io studiare tutto questo?" Chi ascoltava gli rispose: "Comincia con l'alfabeto, continua con le Scritture, e quindi vai avanti con la Mishnà e la Ghemarà". Dopo aver sentito ciò, egli pensò e concluse: "Come farò a studiare così tanto?". E se ne andò.

ALEPH throw pillow designed by Gabriele Levy
La Torah inizia con la lettera beit: "Bereishit In principio Dio creò i cieli e la terra". I Dieci Comandamenti, la rivelazione divina al popolo ebraico del Sinai, iniziano con la lettera ALEF: "Anochi sono D-o il tuo Dio che ti ha portato fuori dalla terra d'Egitto, fuori dalla casa di schiavitù". Il Midrash afferma che la "realtà superiore" era stata separata dalla "realtà inferiore", poiché Dio aveva decretato che né la realtà superiore discende né la realtà inferiore ascendono. Nel dare la Torah, Dio annullò il suo decreto, essendo Lui stesso il primo a discendere, come è scritto: "E Dio scese sul monte Sinai". La realtà inferiore, a sua volta, ascese: "E Mosè si avvicinò alla nuvola ..." L'unione della "realtà superiore", lo yud superiore, con la "realtà inferiore", l'inferiore yod, mediante il collegamentovav della Torah, è l'ultimo segreto della lettera alef.


Aleph: cosa dice
La lettera ALEPH è collegata a nuovi inizi e alla capacità di allenamento e autodisciplina, pur mantenendo gli equilibri tra molti compiti. Dice che è possibile cercare di domare il dono della vita o dire no e aprirsi alla grande meraviglia: da dove viene la vita e perché. Se ci si connette ad esso e non si vuole domarlo, è possibile gestire tutto ciò che ci circonda senza cercare di controllare tutto.
ALEPH throw pillow designed by Gabriele Levy
Aleph è la fonte da cui tutto emana il primo principio, ma il primo principio è in realtà il secondo principio:
Perché il primo principio è il secondo principio in realtà
Ebbene, è più semplice e più profondo di quanto si possa inizialmente supporre: se Aleph è un nuovo inizio, come la nascita di un nuovo bambino che viene al mondo, allora il bambino è nato da sua madre. La madre, quindi, è il primo principio anche se, per sua natura, è il secondo principio: il principio di contenimento.t.



Dio è emanato dalla Creazione e poi ha creato per lei tutti gli universi, motivo per cui lei è il secondo principio, che in realtà è il primo.