La lettera TET

Tet, il 9th La lettera ebraica è il simbolo della bontà טוב in tutta la creazione.



Ha a che fare con la purezza e l'impurità, insegnandoci a scegliere il bene, e anche la consapevolezza che anche all'interno delle cose cattive che accadono, c'è del bene nascosto. Tet rappresenta anche la femminilità, la gravidanza. Include la gentilezza e la misericordia della creazione e il principio che tutto è eterno e nulla è mai perduto.

L'essenza di Tets è femminile, rappresenta il numero 9 per i 9 mesi di gravidanza, e ha la forma di un grembo, una spirale, un contenitore dove le cose cambiano e si trasformano. È il campo della manifestazione, l'essenza del femminile che racchiude tutto in lei. L'infinito è contenuto in Tet e determina il finito..

Il Tet contiene la gentilezza Hesed e la misericordia del creato. Ci insegna a distinguere tra il bene e il male, e scegliendo il bene per pulire e purificare e quindi per fare ciò che è impossibile, per cancellare la cattiva azione che è stata fatta. Contiene il principio che niente è perduto, niente è sprecato e tutto è eterno. Il Tet è il contenitore che crea l'abilità di Tikkun che tutte le anime sono attratte dalla vita con uno scopo per riportare tutto bene come all'inizio.ing.


La tet è la lettera iniziale della parola tov, "buono". La forma del tet è "invertita", simbolizzando così il bene nascosto e invertito - come espresso nello Zohar: "il suo bene è nascosto al suo interno". La forma della lettera chet simboleggia l'unione dello sposo e della sposa che consuma il concepimento. Il segreto del tet numericamente equivalente a nove, i nove mesi di gravidanza è il potere della madre di portare il suo bene interiore e nascosto - il feto - per tutto il periodo della gravidanza.y.



La gravidanza è il potere di portare il potenziale all'attualizzazione. La rivelazione di una nuova, attuale energia, la rivelazione della nascita, è il segreto della successiva lettera di alef-beit, layod. Ilyod rivela il punto di "Vita Essenziale" come realizzato nel segreto della concezione delchet e portato, impregnato, nel tet.


Degli otto sinonimi di "bellezza" in ebraico, tov - "buono" - si riferisce allo stato di bellezza più interiore, invertito e "modesto". Questo livello di bellezza è quello personificato nella Torah da Rebecca e Bat Sheva, che sono descritti come "molto belli di bell'aspetto".."




All'inizio della Creazione, l'apparizione della luce è definita "buona" agli occhi di Dio: "E Dio vide che la luce era buona". I nostri saggi interpretano questo come "è bello essere nascosti per gli tzadikim nel tempo a venire". "E dove l'ha nascosto nella Torah, perché 'non c'è niente di buono all'infuori della Torah'"."



Il Ba'al Shem Tov insegna che il "Tempo a venire" si riferisce anche a ogni generazione. Ogni anima di Israele è un potenziale tzadik come si dice: "e il tuo popolo è tutto tzadikim", connesso alla buona luce nascosta nella Torah. Più si realizza il proprio potenziale di essere uno tzadik, più si rivela la bontà dal "ventre" della Torah.."



Nel primo verso della Torah - "In principio Do creò i cieli e la terra" - le lettere iniziali di "i cieli e la terra" incantano D-ds "Nome nascosto" nella Creazione alef-hei-vav-hei, secondo la Kabbalah. Il valore numerico di questo nome è diciassette, lo stesso di quello della parola, tov, "buono". La parola tzadik è uguale a 12 per 17 204, il valore totale delle dodici permutazioni delle quattro lettere di questo Nome nascosto. Gli tzadikim, che sono chiamati "buoni", possiedono il potere del Nome nascosto derivato da "i cieli e la terra", la bontà nascosta necessaria per unire cielo e terra e quindi rivelare la luce interiore e lo scopo della Creazione. Proprio come ils the aleph possiede il potere di sopportare gli opposti - il potere del firmamento di unire insieme le acque superiori e inferiori - così il tet possiede il potere di unire i mondi superiore e inferiore, "cieli e terra". Chassidut insegna che al servizio dell'anima, questo potere si manifesta nell'uomo quando assume simultaneamente lo stato di essere "nel mondo ma fuori dal mondo". Essere "nel mondo" significa essere pienamente coscienti della realtà mondana per rettificarla. Essere "fuori dal mondo" significa essere pienamente consapevoli che in verità "non c'è nessun altro oltre a Lui".




Un altro collegamento tra la luce e il bene si trova nella storia della nascita di Mosè: "E lei Yocheved, la madre di Mosessa lo vide che era buono". Rashi cita il Midrash, il che spiega che alla nascita di Mosè una grande luce riempiva la stanza. Secondo la prima Masorah, il tet nella parola tov "buono" di questo verso è scritto molto grande. Questo allude all'Assoluto Divino Bene affidato all'anima di Mosè, la cui missione di vita era quella di adempiere la promessa di redenzione dall'Egitto e la rivelazione della Torah al Sinai. L'esilio egiziano è paragonato a un grembo in cui Israele rimase incinta latente per duecentodieci anni. Al Sinai, cielo e terra erano uniti, come si vede nella letteratter aleph.




Quindi, l'insegnamento completo del tet è che, attraverso il servizio dell'anima, tutta la realtà diventa "gravida" della bontà e della bellezza Infinite di Dio, portando così armonia e pace ai "cieli e alla terra"."



Tet è la via della natura Teva la via della bontà Toov. Tet continua sempre a cercare la sua strada. È connesso a un viaggio e alla ricerca della verità; una lotta costante, una sete di sapere. La sua debolezza può essere nel non riconoscere la verità, anche quando viene trovata, per il motivo instancabile di cercare la via per raggiungerla. Tet, quindi, dice ai ricercatori della via, guardati intorno e riconosci la grande verità attraverso le piccole cose che hai incontrato sulla tua strada, perché la natura delle cose vive già dentro di loro e in te, e potresti continuare a cercare senza vedere la luce intorno a te. Non smettere di esplorare anche se hai completato un viaggio, perché la completezza può impedirti di procedere.ding.





Tet suggerisce una nuova nascita ogni volta che completiamo un processo alla fine dei 9 mesi di gravidanza. Pertanto, è inutile continuare ad aggrapparsi ai successi o ai fallimenti, poiché entrambi sono impedimenti. È meglio cercare i piccoli successi del futuro in futuro, piuttosto che continuare a portare sulle nostre spalle i grandi successi del passato. La nuova nascita suggerisce la perdita di un'altra placenta ogni volta, perché ciò che ti ha protetto finora, potrebbe avvelenarti da questo punto in poi..