Biografia

Gabriele Levy Buenos Aires, 1958 - vive e lavora in Italia.
Dopo un servizio militare svolto nei Bersaglieri, Levy ha lavorato per un anno presso un grossista di oro e diamanti, imparando ad osservare al microscopio la materia trasparente della pietra.

Nel 1980 l'artista si trasferisce in Israele, dove lavora prima nel Kibbutz Bet Nir con gli artisti Moshe Shek detto "Juk", con e C. Kalman, producendo manufatti in argilla, cemento e ferro con Shek, mentre apprende le tecniche di collage di tessuti di Kalman.

"Preso" anche lì al fare il militare, Levy si ritrova in una guerra che non è la sua, scrivendo un lungo diario e alcuni racconti sui bellissimi e strani "incontri ravvicinati" perfettamente pacifici che ebbe con il "nemico".
Durante la tragicomica ma traumatica guerra in Libano, Levy inizia a trasformare i gusci degli obici vuoti, tagliandoli con una fiamma ossidrica, per farne un portaombrelli o trasformando vecchi tubi di ferro in una base portabiciclette.

Nel 1983 è il tempo della plastica e Levy lavora in una fabbrica(ELCAM), dove inietta ed estrude materie plastiche, occupandosi di stampi e resine, PVC e policarbonati, pressioni e temperature, computer e controllo statistico di processo.

L'idea di una nuova arte 3D nasce in quest'epoca, dove ha appreso l'uso della trasformazione 3D da negativo a positivo utilizzando stampi di colata, un'idea che riprenderà dopo aver prodotto gli stampi in gesso e silicone delle lettere ebraiche, potenti strumenti ridurre i tempi di produzione del pezzo, e ovviamente il suo costo unitario.


Levy si diploma come tecnico delle materie plastiche presso il Rupin Plastics Institute in Israele, e quindi studia al Technion, lo Israel Institute of Technology, laureandosi nel 1988 in Ingegneria industriale e gestionale e Ingegneria tecnica delle scienze informatiche.
In questo periodo ha svolto molti lavori: il pittore, lo spazzino, il guardiano notturno, l'interprete tecnico, il programmatore in FORTRAN, il pescivendolo, il raccoglitore di mele e agrumi, il barista, lo chef, l'operaio, il traduttore di brevetti.

Nel 1992 Levy torna in Italia e l'editore Franco Angeli pubblica il suolibro sulla pianificazione del fabbisogno dei materiali; intanto lo scultore inizia a produrre formelle di argilla in altorilievo con in altorilievo una lettera in ebraico.

Scolpire una ALEF in argilla

Le formelle venivano cotte a più di mille gradi e poi appese al muro.

Negli stessi anni, dopo lo studio degli scritti di Rav Matityahu Glazerson, pubblica un breve ma affascinante libro sui segreti delle lettere dell'alfabeto ebraico.
In seguito studia ancora la Kabbalah, il misticismo ebraico basato sulle lettere ebraiche, tenendo conferenze sull'argomento in varie città italiane.

Dopo aver prodotto per la sinagoga di Torino la prima frase della Torah, realizza per conto del Museo Ebraico di Casale Monferrato, l'intero alfabeto ebraico, e accompagna ogni lettera di una spiegazione sul suo significato.

Synagogue of Torino, Italy
BERESHIT, su un muro della sinagoga di Torino 19933)

Sinagoga di Casale Monferrato, Italia



Nello stesso anno crea il primo portale web ebraico in italiano(www.italya.net), completandolo con mailing list, forum e un rudimentale ma divertente social network chiamato Schola Novissima Leon da Modena.

Nel 1997, durante il Festival della Cultura Ebraica di Venezia, mostra all'ingresso del Ghetto decine di lettere realizzate in nuovi materiali: vetro e ferro, ghisa e marmo, travertino e cemento.

Midrash Leon da Modena, Venezia 1997



Dal 1992 ha prodotto migliaia di lettere ebraiche in gesso, cemento, argilla o vetro, creando forme e oggetti, utilizzando materiali di recupero, resine, polvere di fosforo, mattoni e microprocessori.

Nel 2001 segue poi un periodo di fotocollage che raccontano la storia del popolo ebraico, ovvero dei primi tentativi di arte nascosta e arte doppia, da cui nasce l'opera d'arte vista come oggetto dinamico con cui lo spettatore può interagire spazialmente e temporalmente.

Fotocollage di uno shtetl. 2001



Poi nel 2003 l'artista ha iniziato a utilizzare la pittura fosforescente su mappe e collage, creando immagini fosforescenti che si possono vedere al buio.

Lettere fosforescenti, che brillano nell'oscurità.

Dal maestro doratore Claudio Garneri impara ad utilizzare la foglia oro e la foglia d'argento, di rame e di colori metallici, realizzando centinaia di piastrelle con cornici metallizzate a mano.

Nel 2003 tiene alcune lezioni con l'artista Ugo Nespolo, incentrate sull'arte come strumento di liberazione, ed espone a Merano in una mostra collettiva dal titolo "Dream of Peace", insieme ad Ariela Bohm e Tobia Rava ', Hana Silberstein, Emanuele Luzzatti , Aldo Mondino e Barbara Nahmad, esponenti dell'arte ebraica contemporanea in Italia.

Durante il suo eclettico percorso di artista, concentrato sui significati nascosti delle lettere dell'alfabeto ebraico, Levy vede, nel lato posteriore dell'oggetto creato, un tipo di arte che lui definisce "arte nascosta".
Mentre i musei sulle opere lì scrivono "NON toccare", nelle sue opere l'artista chiede allo spettatore di toccare l'oggetto sollevandolo, e ruotarlo per vedere cosa c'è dall'altra parte, la parte "nascosta".
Mentre lo spettatore gira l'opera, passa del TEMPO.
E così alla scultura - tridimensionale per definizione - si aggiunge la quarta dimensione - il tempo che scorre ruotando l'oggetto.

Il lato visibile e il lato nascosto di una lettera ebraica.



Proseguendo nel suo percorso alla ricerca di un vero e proprio sfondo per migliaia di lettere ebraiche che si sono riversate su questo pianeta, nel 2008 Levy scopre un nuovo paradigma: il paradigma modulare.

In questo paradigma l'artista realizza grandi pannelli modulari, portando al centro un gancio a forma di "L".
Questo pannello è chiamato "Modulo 0".
Puoi appenderlo al gancio degli oggetti più piccoli, in modo da "personalizzare" il lavoro.
Questi ultimi sono chiamati "Modulo 1".
Nelle mostre, la parete sinistra della galleria ha appesi su di se alcuni moduli 0 aggiunti, mentre la parete destra ha un po' di moduli 1, anch'essi..
L'artista chiede agli spettatori di scegliere da una parete un modulo 1, prenderlo e appenderlo a un gancio del modulo 0 che lui, lo spettatore, sceglie a suo piacimento.
In questo modo l'osservatore decide l'ultima forma dell'opera d'arte, diventa un co-artista.


MEM come Marocco.Arte modulare.

Ora lo scultore lavora nel centro di Roma, puoi visitare la sua bottega e galleria in Via della Reginella, 25.
Il nome della galleria d'arte èALEFBET.